martedì 13 luglio 2010

Riflessioni - Triumph Day 2010

Strano questo Tday, quasi surreale.
Era partito tutto molto lentamente a causa del caldo assurdo...il paddock rimaneva immobile nascosto nelle zone d'ombra e chi girava faceva a gara a fine turno a rintanarsi dentro i box.
Poi a fine giornata del venerdì l'incidente......povero Antonio, ha pagato le peggiori conseguenze di un'errore che può capitare....una distrazione ed ecco la curva che arriva velocemente e l'istinto che ti dice di frenare con forza....forse se invece di  evitare la collisione avesse preso l'altra moto adesso avremmo due ragazzi in ospedale invece di uno al creatore.
Vi parlo in sincerità e non voglio essere ipocrita...ho già perso tanti amici ed ormai un pò il callo l'ho fatto: se fosse stato un ragazzo di 30 anni single la cosa mi sarebbe scivolata addosso, ma avendo moglie e figli mi sono immedesimato molto e mi ha colpito in maniera particolare.........ho continuato a girare...ma la domenica mattina ho smesso quasi un pò schifato e non vedevo l'ora di riabbracciare mia figlia....non credo che una passione possa valere più di veder crescere una figlia....il destino è sempre in agguato ed anche se sei sempre in allerta non sai mai cosa potrà capitare.
Al momento mi è passata un pò la voglia di andare in pista....troppi idioti, troppa gente che non rispetta le regole, troppi Valentinorossi...così non và bene, già in strada si rischia ogni giorno la vita, se adesso anche in circuito è la stessa storia mi sà che il gioco inizi a non valer più la candela............................

1 commento:

Rocket68 ha detto...

Pienamente d'accordo su tutto quello che hai detto , credo anche sia complice l'età e gli affetti che si hanno a casa a farci vedere le cose con occhio più critico , da ragazzo di questi pensieri non li avevo e di cagate ne facevo tante ...sono stato abbastanza fortunato da poterle raccontare